Page images
PDF
EPUB

|

1

[graphic][subsumed][ocr errors][subsumed]

A' miei amici, che soli forse leggeranno queste pagine, parrà strano' per avventura che io mi metta a parlare in pubblico di una monaca, e qualche volta di preti e di frati, ora che la stagione volge sì trista per monache, preti e frati : ma io stimo che se è libero il parlare e l' operare agli ierofobi, debba esserlo anche agli altri, almeno il parlare. Oltrechè dagli squarci che a taluno di quelli son venuto leggendo avranno ben compreso che, quando ne cade il destro, si dà a ciascuno il fatto suo senza passione e colla maggior verità ch' io sapessi; come il fatto loro si dà ai falsi patrioti, e i buoni e diritti si commendano altamente. D'una cosa almeno, io penso, potrà andar contento ogni onesto lettore; che in questo libro si pro

VIII

pugni ciò, che il grande Alighieri chiamava il maggior dono di Dio Creatore la libertà della volontà umana. Se in questi tempi, in questi giorni più forse che non siasi fatto giammai, gli uomini della politica s'ingegnano di francare i popoli da quella che chiamano tirannide straniera, sarà egli grave il sentire abominata un'altra tirannide, più verace talora e più pesante che non le oppressioni di quella fatta, voglio dire la tirannide casalinga ?

E poi legga chi vuole, e a chi non piace, non piaccia; a me basta l'approvazione degli amici, e della mia coscienza.

[graphic]
[graphic][merged small][merged small]

ello è il mese di maggio. La primavera omai grandicella si tolse di capo le odorose primizie, e in compagnia degli zeffiri va aleggiando soave tra le mille ragioni di que' fiori,

che più vaghi e profumati secondano i primi. Essa ne schiude il calice col blando suo fiato e nuova corona s'intreccia. Anche i più tardivi al. beri al ventilare delle penne di questa gentile tutti ora si commuovono, e squarciano la rude scorza e gettano i teneri rampolli gravidi delle umane speranze: chè la primavera non è sol dilettevole per i beni che seco ad. duce, ma per quelli eziandio che promette : essa annun. zia i frutti con i fiori — documento agli uomini i quali devono annunziare i benefizii col fior delle grazie. Tutto per lei risplende di venustà ; anche le irte siepi dei campi, guardate! si vestono anche esse di lietissima ver. zura e di vaghi colori.

D'amore e di letizia tutte son ebbre le creature in primavera. La sterminata famiglia dei quadrupedi co'salti Piccarda Donati

Disp. 1.

[merged small][merged small][graphic][merged small][graphic][ocr errors][subsumed][subsumed][ocr errors][subsumed][subsumed][merged small][merged small][merged small][merged small][merged small]
« PreviousContinue »