Page images
PDF
EPUB

possibile; come creato e intuente, contempla lo stesso tipo nell' Ente concreto, oggetto del suo intuito. Perciò l'idea dell'ente possibile è subbiettiva e obbiettiva ad un tempo : subbiettiva, come esemplata nello spirito dalla creazione, e rivelataci dal pensiero riflesso; obbiettiva, come esemplare divino, insidente in Dio, e dall' intuito fatto palese. Dal che si vede che il Rosmini ha ragione di ascrivere all'idea dell'ente possibile un elemento obbiettivo ; ma egli erra, così nel negare l'elemento subbiettivo, che l'accompagna, come nel credere che l' elemento obbiettivo possa stare, senza l' intuito immediato dell' Ente nella sua concretezza. Certo, se non avessimo questo intuito, e se l'Ente assoluto, contenente in sè l'idea dell'ente possibile, non risplendesse direttamente allo spirito , la nozione di esso ente possibile non potrebbe darsi, o avrebbe un valore meramente subbiettivo.

Questa sintesi dell' obbiettivo e del subbiettivo nell'idea dell' ente astratto, mediante l'atto creativo, då eziandio ragione delle convenienze, che corrono fra l'ente astratto e l'Ente concreto assoluto. « Nell'idea dell'essere, » dice il Rosmini, « è compresa « un'idea negativa dell'infinito, o come la chiamavano gli an« lichi, un infinito in potenza 1. Ma che cos' è questa idea dell' infinito potenziale, se non il concetto della virtù creatrice inseparabile dall'Ente? Lo stesso Autore ripete spesso, come abbiamo veduto, che l' ente ideale è indeterminato, e dice che noi vediamo « quell'attività che si chiama essere nel suo principio, « ma non ne' suoi termini, ne' quali ella si compisce e si as« solve ?. » Queste e simili locuzioni ricorrono a ogni poco sotto la sua penna. Ora io non so quanto sia esatto il supporre che la concretezza dell'essenza divina consista nell' aver de' termini, poichè essa esclude ogni termine, come infinita. I teologi delle

? N. Sag., tom. III, p. 156. ? Ibid., p. 114.

scuole dicono che le persone divine compiono e terminano la divina essenza , togliendo queste voci in senso analogico, per esprimere la sussistenza personale; ma qual è il senso, che si può dare al vocabolo termine applicato all'essenza divina , razionalmente conosciuta, se non si riferisce alle persone? Quando poi si dice che l' ente ideale è indeterminato, si giuoca d'equivoco; imperocchè o si vuol significare, che non è concreto, ma vago, indefinito, comune, applicabile a ogni cosa ; ovvero, che non ha limiti ed è infinito. In questo secondo caso, tanto è lungi che l'indeterminazione dell'ente escluda i caratteri della Divinità, che anzi ne costituisce uno dei principali. L'ente astratto è infinito, perchè è un esemplare insidente nell'infinita essenza, dotata di virtù creatrice ed infinita. Nell' altro caso, l' ente astratto è veramente indeterminato, perchè esprime il contingente, che può essere effettuato o non essere, può esser fatto cosi e cosi, in virtù dell' azione creatrice, che è liberissima. Questa indeterminazione esprime adunque un altro carattere divino, cioè la perfettissima libertà dell'Ente creatore. Ma basti di ciò per ora. Credo che questi pochi cenni siano sufficienti a mostrare che l' ontologismo è il solo metodo atto ad evitare le difficoltà, le ambiguità, le contraddizioni, gli assurdi, in cui incorrono i psicologisti, e a metterci sulla buona via per avere una teorica ortodossa della visione ideale. Il compiere quesť assunto sarà materia di un altro discorso.

NOTA 39.

S. Bonaventura è uno degli anelli tradizionali, che congiungono nella storia della scienza la filosofia di santo Agostino e di santo Anselmo con quella del Malebranche. Recherò i tratti principali della sua concisa, ma profonda, teorica della visione ideale, esposta nell' Itinerario, scritterello chiamato da Giovanni Gersone opus immensum, cujus laus superior est ore mortalium ?.

1 S. Bonav. Oper. Moguntiæ, 1609, tom. VII, p. 125.

« Intellectum.... propositionum tunc intellectus noster dicitur * veraciter comprehendere, cum certitudinaliter scit illas veras « esse, et hoc scire est scire, quoniam non potest falli in illa « comprehensione. Scit enim quod veritas illa non potest aliter

se habere. Scit igitur veritatem illam esse incommutabilem. « Sed cum ipsa mens nostra sit commutabilis, illam sic incom« mutabiliter relucentem non potest videre, nisi per aliquam « aliam lucem omnino incommutabiliter radiantem, quam impos« sibile est esse creaturam mutabilem. Scit igitur in illa luce « quæ illuminat omnem hominem venientem in hunc mundum, « quæ est lux vera et Verbum in principio apud Deum. Intel« lectum autem illationis tunc veraciter percipit noster intel« lectus, quando videt quod conclusio necessario sequitur ex « præmissis, quod non solum videt in terminis necessariis, verum « etiam in contingentibus, ut, si homo currit, homo movetur.... « Huiusmodi igitur illationis necessitas non venit ab existentia « rei in materia, quia est contingens, nec ab existentia rei in « anima, quia tunc esset fictio, si non esset in re. Venit igitur « ab exemplaritate in arte æterna, secundum quam res habent « aptitudinem et habitudinem ad invicem, ad illius æternæ artis « repræsentationem. Omnis igitur, ut dicit Augustinus in libro « de vera religione (cap. 39), vere ratiocinantis lumen accen« ditur ab illa veritate. . . . . . . . Ex quo manifeste « apparet , quod coniunctus sit intellectus noster ipsi æternæ « veritati : dum nisi per illam docentem nihil verum potest cer« titudinaliter capere?. » Prosegue quindi e dimostra che per le stesse cagioni, la mente nostra, avendo nei giudizi morali per norma una legge, che è superior mente nostra, dee aver l'intuito della stessa legge divina. E già prima avea stabilito che la mente umana non potrebbe ricordarsi, se non avesse « lucem incom« mutabilem sibi præsentem , in qua meminit invariabilium « veritatum. Et sic per operationes memoriæ apparet, quod ipsa

* Ilin, ment. in Deum, cap. 3. Op. Moguntiæ, 1609, tom. VII, p. 130.

« anima est imago Dei et similitudo adeo sibi præsens et eum « habens præsentem, quod eum actu capit et per potentiam « capax ejus est , et particeps esse potest. » Donde avviene che essa mente « retinet... scientiarum principia et dignitates , ut « sempiternalia et sempiternaliter, quia nunquam potest sic « oblivisci eorum, dummodo ratione utatur, quin ea audita ap« probet et eis assentiat , non tanquam de novo præcipiat, sed « tanquam sibi innata et familiaria recognoscat '. »

« Nisi... cognoscatur quid est ens per se, non potest plene « sciri diffinitio alicuius specialis substantiæ. Nec ens per se « cognosci potest, nisi cognoscatur cum suis conditionibus, quæ « sunt unum, verum, bonum. Ens autem cum possit cogitari ut « diminutum et ut completum, ut imperfectum et ut perfectum, « ut ens in potentia et ut ens in actu, ut ens secundum quid et « ut ens simpliciter, ut ens in parte et ut ens totaliter, ut ens « transiens et ut ens manens, ut ens per illud et ut ens per se, « ut ens permixtum non enti et ut ens purum, ut ens dependens « et ut ens absolutum, ut ens posterius et ut ens prius, ut ens " mutabile et ut ens immutabile, ut ens simplex et ut ens com“ positum : cum privationes et defectus nullatenus possint « cognosci nisi per positiones, non venit intellectus noster ut « plene resolvens intellectum alicuius entium creatorum, nisi « juvetur ab intellectu entis purissimi, actualissimi, completis« simi et absoluti : quod est simpliciter ei æternum ens, in quo « sunt rationes omnium in sua puritate. Quomodo autem sciret « intellectus hoc esse ens defectivum et incompletum, si nullam « haberet cognitionem entis absque omni defectu ? Et sic de aliis 1. conditionibus prælibatis ? »

« Quoniam autem contingit contemplari Deum, non solum

* Itin. ment, in Deum, cap. 3. – Op. Moguntiæ, 1606, tom. VII, p. 150. 2 S. Bonav., Ibid., cap. 3. - Op., tom. VJI, p. 130.

« extra nos et intra nos, verum etiam supra nos : extra nos per « vestigium , intra nos per imaginem, et supra nos per lumen « quod est signatum supra mentem nostram, quod est lumen « veritatis æternæ, cum ipsa mens nostra immediate ab ipsa « veritate formetur, qui exercitati sunt.... in tertio (modo) « intrant... in sancta Sanctorum... per quæ intelligimus duos « modos.... Primus modus primo et principaliter defigit aspectum « in ipsum esse, dicens quod qui est, est primum nomen Dei.... « Unde dictum est Moysi : Ego sum qui sum.... Volens igitur « contemplari Dei invisibilia, quoad essentiæ unitatem , primo « defigat aspectum in ipsum esse, et videat ipsum esse adeo in se « certissimum, quod non potest cogitari non esse, quia ipsum « est purissimum, non occurrit nisi in plena fuga non esse : « sicut et nihil in plena fuga esse. Sicut igitur omnino nihil, nihil « habet de esse, nec de eius conditionibus : sic e contra ipsum « esse nihil habet de non esse, nec actu nec potentia, nec secun« dum veritatem rei, nec secundum æstimationem nostram. Cum « autem non esse privatio sit essendi non cadit in intellectum « nisi per esse : esse autem non cadit per aliud, quia omne quod « intelligitur aut intelligitur ut non ens, aut ut ens in potentia, « aut ut ens in actu. Si igitur non ens non potest intelligi nisi « per ens, et ens in potentia non nisi per ens in actu , et esse « nominat ipsum purum actum entis : esse igitur est quod primo « cadit in intellectu, et illud esse est quod est purus actus. Sed « hoc non est esse particulare, quod est esse arctatum, quia « permixtum est cum potentia, nec esse analogum, quia minime « habet de actu, eo quod minime est. Restat igitur quod illud « esse est esse divinum. Mira igitur est cæcitas intellectus , qui « non considerat illud quod prius videl, et sine quo nihil potest « cognoscere. Sed sicuti oculus intentus in varias colorum diffe« rentias, lucem per quam videt cætera, non videt, et si videt, « non tamen advertit : sic oculus mentis nostræ intentus in ista « entia particularia et universalia, ipsum esse extra omne genus, « licet primo occurrat menti, et per ipsum alia , tamen non

« PreviousContinue »