Page images
PDF
EPUB
[ocr errors]

a

CANTO V. Solve il dubbio d'intorno a' voti mosso nel precedente Canto. Poi sale al secondo cielo, che è quel di Mercurio , dove trova infinite anime, una delle quali se gli offerisce a soddisfare ad ogni sua dimanda.

CANTO VI. L'anima offertasi a Dante di soddisfare alle sue dimande, dimostra essere Giustiniano ime peradore, e gli' racconta le sue azioni , e come egli corresse e riformò leggi.

CANTO VI I. Sparito Giustiniano con le altre anime Dante nacquero alcuni dubbj quanto alla redenzione umana ,

ed al modo di essa reden, zione ; i quali gli sono risolti da Beatrice , e da lei provatogli appresso l'immortalità dell' anima e la resurrezion de' corpi.

CANTO VIII. Ascende il Poeta dal cielo di Mercurio a quel di Venere , nel quale trova Carlo Martello re d'Ungheria ; dal cui parlare essendogli nato un dubbio , come di buono e virtuoso padre possa nascer reo e vizioso figliuolo, quello da esso Martello gli è risolto.

C Α Ν Τ Ο Ι Χ. Dante introduce a parlar Cunizza , sorella d'Azzolino da Romano, che gli predice alcune calamità della Marca Trivigiana ; e poi il ves, coyo Folco da Marsilia.

CANTO X!

Tratta dell'ordine che pose Dio in crear tutte le cose dell'universo. Sale poi al quarto, cielo , che è quello del Sole , dove trova San Tommaso d'Aquino.

CANTO. X I.

[ocr errors]

San Tommaso dice aver veduto in Dio due dubbj che in Dante erano nati , l' uno dei quali gli risolve ; racconta poi in gloria di Dio tutta la vita di San Francesco.

CANTO XII. San Bonaventura racconta a Dante la vita di San Domenico e gli dà contezza dell' anime: che in quel cielo si trovano.

CANTO XIII. San Tommaso solve a Dante il secondo de dubbj mossigli di sopra,

CANTO X IV: Beatrice muove un dubbio , il quale le vien risoluto; poi ascendono al quarto cielo , che è quello di Marte, nel quale veggono le anime di quelli che aveano militato per la vera fede,

CANTO X V.

M. Cacciaguida , tritavo del Poeta , ragiona della genealogia della casa loro , e dello stato ę costumi di Fiorenza, mostrando come fu morto combattendo per

la fede di Cristo.

CANTO X V I. Racconta Cacciaguida quai fossero i suoi antichi progenitori, in che tempo egli nacque, e quanto fosse ne' suoi tempi popolata la città di Fiorenza ; e fa menzione delle più nobili fac miglie di essa.

CANTO X VII. Cacciaguida predice a Dante il suo esilio, e le calamità ch'egli aveva a patire: ultimamente lo esorta a scriver la presente Commedia.

CANTO X VIII. Descrive il Poeta come egli ascese al sesto cielo , che è quel di Giove ; nel quale trova coloro che dirittamente avevano amministrata giustizia al mondo.

CANTO XIX. Introduce a parlar l'Aquila ; poi muove un dubbio se alcuno senza la fede Cristiana si

possa salvare.

CANTO X X. L'Aquila loda alcuni degli antichi re, i quali oltre a tutti gli altri furono giustissimi ed eccellentissimi in ogni virtù ; poscia solve un dubhio a Dante, come potessero essere in cielo alcuni che, secondo il creder avevano avuto fede Cristiana.

CANTO XXI. Ascende Dante dal cielo di Giove a quello di Saturno, nel quale truova i contemplanti della vita solitaria , e vede in quello una scala

[ocr errors]

non

altissima. Poi da San Pier Damiano gli vien risa posto ad alcune dimande.

CANTO X XII. Fa il Poeta a San Benedetto una dimanda : poi sale all'ottava spera, e di quella nel segno di Gemini.

CANTO X XI I I. Descrive Dante come vide il trionfo di Cristo, seguitato da infinito numero di Beati : e specialmente la Beatissima Vergine.

CANTO X XIV. San Pietro esamina Dante della Fede; al quale avendo egli risposto quanto direttamente credeya , lo stesso approva la sua Fede.

CANTO X X V. Il Poeta introduce San Jacopo ad esaminarlo della Speranza , proponendogli tre dubbj : de' quali Beatrice solve il secondo , ed esso gli altri. Ultimamente introduce San Giovanni evangelista a manifestargli che 'l suo corpo morendo era rimaso in Terra.

CANTO X X V I. San Giovanni esamina Dante della Carità. Di. poi Adamo racconta a Dante il tempo della sua felicità ed infelicità.

CANTO X X VII. San Pietro riprende i cattivi Pastori. Poi sale il Poeta con Beatrice alla nona spera ,

doy'ella

gli dimostra pienamente la natura e virtù di quella.

CANTO X X VIII. Il Poeta dimostra la Essenza Divina , nella guisa che gli fu conceduto di poter vederla e che ella di grado in grado si appresentò a lui in tre gerarchie di nove cori d'angeli che le stanno d'intorno ; ed in ultimo pone alcuni dubbj dichiaratigli da Beatrice.

C Α Ν Τ Ο Χ Χ Ι Χ. Dimostra il Poeta , che Beatrice nella Divina Maestà vide alcuni dubbj di lui , i quali risolve : indi riprende la ignoranza d'alcuni teologi de' suoi tempi , e l'avarizia d'alcuni predicatori , che lasciando l' Evangelio , predicavano ciance e favole.

CANTO X X X. Sale Dante con Beatrice nel cielo empireo ; ove riguardando in un lacidissimo fiume che gli apparve , prese da quello tal virtù, che con l'ajuto di Beatrice potè vedere il trionfo degli angeli , e quello dell'anime beate.

CANTO X X X I. Tratta Dante della gloria del Paradiso ; poi come Beatrice tornò al suo seggio : nel fine, che San Bernardo gli dimostra la felicità della Regina de' cieli.

CANTO X X XII. San Bernardo solve a Dante un dubbio, che de' parvoli gli era venuto ; gli dimostra poi i

1

« PreviousContinue »