Regole ed osservazioni della lingua toscana: ridotte a metodo ed in tre libri distribuite

Front Cover
V. Batelli, 1846 - Italian language - 390 pages
 

What people are saying - Write a review

We haven't found any reviews in the usual places.

Selected pages

Other editions - View all

Common terms and phrases

Popular passages

Page 157 - Oh miseri e vili che colle vele alte correte a questo porto: e là dove dovreste riposare, per lo impeto del vento rompete, e perdete voi medesimi là ove tanto camminato avete ! Certo il cavaliere Lancillotto non volle entrare colle vele alte, né il nobilissimo nostro Latino Guido Montefeltrano.
Page 100 - Lo maggior don, che Dio per sua larghezza Fesse creando, e alla sua bontate Più conformato, e quel ch'ei più apprezza, Fu della volontà la libertate, Di che le creature intelligenti, E tutte e sole, furo e son dotate. Or ti parrà, se tu quinci argomenti, L...
Page 161 - Se ben m' accorsi nella vita bella. 20 E s' io non fossi sì per tempo morto, Veggendo il cielo a te così benigno. Dato t' avrei ali' opera conforto. 21 Ma quel!' ingrato popolo maligno, Che discese di Fiesole ab antico, E tiene ancor del monte e del macigno, 22 Ti si farà, per tuo ben far, nimico.
Page 79 - Convenevole cosa è, carissime donne , che ciascheduna cosa la quale l'uomo fa, dallo ammirabile e santo nome di Colui il quale di tutte fu fattore le dea principio.
Page 39 - Volo con l'ali de' pensieri al cielo Sì spesse volte, che quasi un di loro Esser mi par e...
Page 278 - Di tanto mi dolgo forte, che la 'nfermità del mio freddo col caldo del letame puzzolente si convenne curare, ove quella del tuo caldo col freddo della odorifera acqua rosa si curerà; e dove io per perdere i nervi e la persona fui, tu da questo caldo scorticata, non altramenti rimarrai bella che faccia la serpe lasciando il vecchio cuojo.
Page 279 - E da che diavol siam noi poi, da che noi siam vecchie, se non da guardar la cenere intorno al focolare...
Page 165 - E così dicendo, con le pugna, le quali aveva che parevan di ferro, tutto il viso gli ruppe, né gli lasciò in capo capello che ben gli volesse, e...
Page 38 - Quant' in sul Xanto , e quant' in vai di Tebro ! Un dubbio verno , un instabil sereno È vostra fama ; e poca nebbia il rompe : E'1 gran tempo a' gran nomi è gran veneno . Passan vostri trionfi , e vostre pompe : Passan le signorie , passano i regni : Ogni cosa mortai tempo interrompe ; E ritolta a...
Page 273 - ... l marito, gli due o tre fratelli, o il padre e il figliuolo, o così fattamente ne contenieno. E infinite volte avvenne che, andando due preti con una croce per alcuno, si misero tre o quattro bare, da...

Bibliographic information